Cresce la disuguaglianza e scompare la middle class

Crolla il potere d'acquisto della middle class americana

Crolla il potere d’acquisto della middle class americana

In Italia si fa un gran parlare delle colpe dell’Euro nella crisi che stiamo vivendo, ad esempio la crescita della povertà.  Al di là dei limiti strutturali della moneta unica non si coglie però la sostanza se non si va al cuore del problema. Se fosse tutta dell’Euro la responsabilità, allora nei paesi dove c’è una moneta nazionale le cose dovrebbero andare in modo opposto al nostro. E invece negli Stati Uniti e in Gran Bretagna la povertà è cresciuta esattamente se non in maniera maggiore rispetto a noi.  Su scala globale i fenomeni sono assolutamente paralleli. Il punto è che negli ultimi 30 anni è cresciuta ovunque la disuguaglianza. Può essere utilissimo visionare questo filmato curato da Paolo Cappelli sulla scomparsa della middle class americana. Andate a 4’35 e vedrete che nel 1978  un lavoratore medio Usa guadagnava 48mila dollari contro i 393mila dell’1% più ricco, oggi siamo a 33mila dollari di reddito contro 1milione e 101mila dollari dei più ricchi.  Uno sproporzione enorme. La classe media , siano dipendenti o lavoratori autonomi, scompare perché i soldi vanno da un’altra parte. L’automazione è stata usata all’interno di questo processo come pure lo spostamento di produzioni in altre parti del mondo a cominciare dall’estremo oriente. Cappelli dà l’ultima parola al Nobel Stiglitz che spiega che così, senza coesione sociale, è a rischio la stessa democrazia. Peccato non l’abbiano capito i governanti. Sicuramente non quelli UE ma nemmeno i “populisti” che pensando che col ritorno alle monete nazionali si sciolgano i nodi.  No, è la struttura sociale che va rimessa in discussione, troppa disuguaglianza sta generando disastri ovunque, con una perfetta simmetria sulle due sponde dell’Atlantico. Vale la pena partire da qui.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...